Opera Mundus

OPERA MUNDUS: SCOPRI AUDIZIONI, CONCORSI, MASTERCLASS E NOTIZIE DAL MONDO DELL'OPERA LIRICA.

Search
Close this search box.

L’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino in Cina: due tappe e cinque concerti con Zubin Mehta

Tua Pubblicità in primo piano, è come
una grande opera - CONTATTACI

Il maestro Zubin Mehta, alla testa dell’Orchestra del Maggio, parte per una prestigiosa tournée che riporta il Maggio in Cina a distanza di oltre 10 anni dall’ultima volta.

Cinque i concerti complessivi: i primi due appuntamenti sono al “Grand Theatre” di Tianjin il 19 e il 20 giugno e tre le date in programma al “Centro Nazionale per le Arti dello Spettacolo” di Pechino il 21, 22 e 23 giugno.

 

A pochi giorni dal concerto di chiusura dell’86°Festival del Maggio Musicale Fiorentino, accolto in modo trionfale da una Sala Mehta tutta esaurita, il direttore emerito Zubin Mehta, alla testa dell’Orchestra del Maggio, s’imbarca per tornare in Cina a oltre dieci anni di distanza dall’ultima volta.

Prende dunque avvio l’annunciata e importante tournée dell’Orchestra del Maggio in Cina con cinque prestigiosi concerti sinfonici in due tappe. I primi due sono in programma il 19 e 20 giugno al “Grand Theatre” di Tianjin, città dove il Maggio giunge per la prima volta.

Sui leggii dell’Orchestra il Concerto n. 2 in fa minore op. 21 per pianoforte e orchestra di Frédéric Chopin e la Sinfonia n. 7 in re minore op. 70 di Antonín Dvorák per quanto riguarda il concerto del 19 giugno mentre un programma interamente incentrato sulle composizioni di Ludwig van Beethoven è previsto nella serata del 20 giugno: in apertura il Concerto in re maggiore op. 61 per violino e orchestra; chiude l’esibizione la celeberrima Sinfonia n. 7 in la maggiore op. 92.

Subito dopo l’esibizione del 20 giugno il maestro Mehta e l’Orchestra partiranno, accompagnati per questa seconda tappa anche dal sovrintendente Carlo Fuortes, alla volta della capitale cinese, Pechino, dove il Maggio, Mehta e l’Orchestra soprattutto dopo la Turandot eseguita nella Città proibita nel 1998, godono di grande fama e rispetto, per tre attesissimi concerti nell’imponente “Centro Nazionale per le Arti dello Spettacolo”; i concerti sono in programma il 21, 22 e 23 giugno.

In cartellone nelle esibizioni del 21 e 23 giugno ancora il Concerto n. 2 in fa minore op. 21 per pianoforte e orchestra di Frédéric Chopin e la Sinfonia n. 7 in re minore op. 70 di Antonín Dvorák; mentre il Concerto in re maggiore op. 61 per violino e orchestra e la Sinfonia n. 7 in la maggiore op. 92 di Ludwig van Beethoven saranno eseguiti nel concerto del 22 giugno.

Solista al pianoforte nei concerti del 19, 21 e 23 giugno Vanessa Benelli Mosell che nel corso della sua carriera si è già esibita, sia come pianista sia come direttrice d’orchestra, in alcune delle sale da concerto più prestigiose a livello internazionale come la Tonhalle di Zurigo, il Lincoln Center di New York e al Teatro alla Scala.  Nei concerti del 20 e del 22 giugno, come violino solista, la protagonista è Amira Abouzahra: giovanissima, ha già partecipato e vinto numerosi concorsi internazionali, fra cui il “Jugend musiziert” in Germania, l’International Ilona Fehér Violin Competition in Ungheria, Franz Liszt Chamber Orchestra in Virtuosos Talent Show e il String Soloist Award all’ISA Festival esibendosi in prestigiosi palcoscenici come il Lincoln Center a New York, il Covent Garden a Londra, al Palace of Arts di Budapest e all’Old Parliament House di Singapore.

Per la quinta volta nella sua storia, l’Orchestra del Maggio – guidata come in ognuna di queste tournée dal suo direttore emerito a vita Zubin Mehta – torna in Cina, consolidando un legame artistico quasi trentennale e iniziato con la storica Turandot con la regia di Zhang Yimou del 1998 nella leggendaria Città Proibita di Pechino – fino ad allora mai concessa per spettacoli dal vivo – quando Zubin Mehta diresse l’Orchestra e il Coro del Maggio in nove memorabili serate consecutive davanti a oltre 4000 persone per ogni singola recita. Grandissimo fu anche il successo di pubblico nelle tappe del 2005; ancora a Pechino al Poly Theatre nel 2007 e nel 2011 a Shanghai e Suzhou.

Il programma della tournée:

19 giugno 2024, Tianjin Grand Theatre

Frédéric Chopin

Concerto n. 2 in fa minore op. 21 per pianoforte e orchestra

Antonín Dvorák

Sinfonia n. 7 in re minore op. 70

Direttore

Zubin Mehta

Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino

Pianoforte

Vanessa Benelli Mosell

 

20 giugno 2024, Tianjin Grand Theatre

Ludwig van Beethoven

Concerto in re maggiore op. 61 per violino e orchestra

Sinfonia n. 7 in la maggiore op. 92

Direttore

Zubin Mehta

Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino

Violino

Amira Abouzahra

 

21 giugno 2024, Centro Nazionale per le Arti dello Spettacolo di Pechino

Frédéric Chopin

Concerto n. 2 in fa minore op. 21 per pianoforte e orchestra

Antonín Dvorák

Sinfonia n. 7 in re minore op. 70

Direttore

Zubin Mehta

Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino

Pianoforte

Vanessa Benelli Mosell

 

22 giugno 2024, Centro Nazionale per le Arti dello Spettacolo di Pechino

Ludwig van Beethoven

Concerto in re maggiore op. 61 per violino e orchestra

Sinfonia n. 7 in la maggiore op. 92

Direttore

Zubin Mehta

Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino

Violino

Amira Abouzahra

 

23 giugno 2024, Centro Nazionale per le Arti dello Spettacolo di Pechino

Frédéric Chopin

Concerto n. 2 in fa minore op. 21 per pianoforte e orchestra

Antonín Dvorák

Sinfonia n. 7 in re minore op. 70

Direttore

Zubin Mehta

Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino

Pianoforte

Vanessa Benelli Mosell

Team Opera Mundus

Opera Mundus: scopri audizioni, concorsi, masterclass e notizie dal mondo dell’Opera Lirica. Opera Mundus è la tua destinazione ideale per esplorare tutto ciò che riguarda l’opera.