Opera Mundus

OPERA MUNDUS: SCOPRI AUDIZIONI, CONCORSI, MASTERCLASS E NOTIZIE DAL MONDO DELL'OPERA LIRICA.

Search
Close this search box.

Alla Fenice la Messa da Requiem di Verdi con Myung-Whun Chung

Photo credit: Teatro La Fenice © Messa da Requiem di Verdi con Myung-Whun Chung
Photo credit: Teatro La Fenice © Messa da Requiem di Verdi con Myung-Whun Chung

Tua Pubblicità in primo piano, è come
una grande opera - CONTATTACI

Complice la notte dell’Ecce lignum crucis, corresponsabile il landscape di una Venezia gonfia di nuvoloni minacciosi e forieri di una morte santa, ma questa Messa da Requiem per soli, coro e orchestra di Giuseppe Verdi andata in scena al gran teatro La Fenice, ha lasciato indimenticabili suggestioni di grande pathos.

Sul podio uno straordinario Myung-Whun Chung che dirige e concerta con padronanza assoluta senza spartito, i soli hanno le voci: soprano Angela Meade, mezzosoprano Annalisa Stroppa, tenore Antonio Poli (che sostituisce all’ultimo Fabio Sartori ammalato) e basso Riccardo Zanellato. Il coro è del teatro veneziano diretto da Alfonso Caiani.

Conosciamo tutti la storia che accompagna questa composizione e che riguarda l’omaggio del Maestro bussetano allo scrittore Alessandro Manzoni ed il coinvolgimento musicale è così importante da entrare, di fatto, nella musica sinfonico-corale più importante del panorama italiano. Il contesto dicotomico religioso delle due figure (cattolico il Manzoni e liberal agnostico il compositore) non impedisce l’espressione completa nell’opera di un profondo travaglio nei confronti della morte e del destino trascendente di salvezza che ci aspetta.

Nel “Dies Irae” il coro è straordinario e l’esplosione del suo potente significato liturgico è all’unisono con un’orchestra perfetta nella quale i timpanisti si trasformano in settimo angelo; la resa è da pelle d’oca emozionale.

E’ leggero il tenore Poli ed ha un timbro delicato che non spinge l’apertura di voce, ma l’ “Ingemisco” è un pianto che chiede pietà  e misericordia, quindi ci sta; forse un po’ meno la tenuta dei piani in altri soli.

Il basso Riccardo Zanellato ha corpo ed è brunito e rotondo. La maturità della sua voce sembra quasi lanciare un anatema nel linguaggio operistico del “Mors stupebit et natura, cum resurget creatura, judicanti responsura” ed è esaltato con il coro nel “Confutatis maledictis”.

I due veri angeli nella gerarchia della serata sono loro: Angela Meade (notevole voce verdiana nel “Libera me, Domine”) e Annalisa Stroppa, rispettivamente soprano e mezzosoprano. Veri e propri cherubini dalle voci celesti per estensioni, colorature, timbro argentino e governo nei passaggi più difficili dei pianissimi.

Nella direzione del maestro Chung si sottolinea un po’ di incedere in lentezza esecutiva nel “Lacrymosa” che qualcuno si aspetta dovesse avere la forza che appartiene alla sequenza del Dies Irae, ma io credo che un giorno di lacrime questo preveda.

Teatro pieno all’inverosimile in profusione di applausi a fine dell’opera sinfonica e corale che consacra – se non fosse avvenuta prima – l’adozione onoraria del Maestro coreano alla Serenissima Repubblica.

Per chi avesse perso questa Messa potete riascoltarla su:

https://www.raiplaysound.it/audio/2024/03/Radio3-Suite—Il-Cartellone-del-28032024-a6c8ff34-672c-4ace-8fe7-82486ce1ec31.html

Venezia, Teatro La Fenice, 29 marzo 2024.

Giuseppe Verdi
Messa da Requiem per soli, coro e orchestra.

CAST

soprano Angela Meade
mezzosoprano Annalisa Stroppa
tenore Antonio Poli
basso Riccardo Zanellato

Orchestra e Coro del Teatro La Fenice
direttore Myung-Whun Chung
maestro del Coro Alfonso Caiani

FOTO
#TAGS

Chiara Casarin

Già funzionario con oltre 40 anni di servizio dell’ente pubblico Provincia di Treviso, con il ruolo di portavoce istituzionale, coordinamento della direzione generale e dell'ufficio stampa e comunicazione dell'Ente. E’ stata recentemente nominata Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Ama l'arte nelle sue molteplici espressioni, il cinema, il teatro e la musica, predilige l'opera e il canto lirico che segue da molti anni come appassionata melomane; Presenta, organizza concerti e collabora a diverse rassegne musicali. Considera tutti gli strumenti di comunicazione e li utilizza come occasione di crescita e di scambi di opinioni e riflessioni, per una comune e proficua condivisione di esperienze.