Opera Mundus

OPERA MUNDUS: SCOPRI AUDIZIONI, CONCORSI, MASTERCLASS E NOTIZIE DAL MONDO DELL'OPERA LIRICA.

Search
Close this search box.

“La Fanciulla del West” al Teatro Regio di Torino

La Fanciulla del West
Photo credit: Daniele Ratti © Teatro Regio di Torino 2024

Tua Pubblicità in primo piano, è come
una grande opera - CONTATTACI

La stagione torinese, improntata sul centenario della morte di Giacomo Puccini, prosegue con una nuova produzione de “La Fanciulla del West”. Opera ‘difficile’ a detta di molti, in cui la melodia si spiega raramente per essere subito disintegrata in un percorso orchestrale preziosissimo che nulla ha da invidiare ai coevi poemi sinfonici e che fu particolarmente apprezzato da autori come Ravel.

La regia di Valentina Carrasco fa ricredere anche gli scettici: l’unione fra il piano teatrale e quello cinematografico (si immagina appunto che si stia girando un film, con tanto di proiezione su uno schermo posto in alto sul palco) ha una sua coerenza e non inficia la messinscena. Vi sono alcuni momenti toccanti ripresi dalle telecamere, quali la lezione di Minnie ai minatori nel primo atto, con una lunga carrellata di primi piani sui visi estasiati dei ragazzi della Polka, oppure la celebre partita a poker, in cui Jennifer Rowley e Gabriele Viviani si fanno apprezzare per le loro doti mimiche.

fanciulla del west Teatro Regio Torino 2024 6
Photo credit: Daniele Ratti © Teatro Regio di Torino 2024

Sul versante interpretativo occorre qualche distinguo: la Rowley disegna una Minnie subito passionale, la voce acquista sicurezza nell’arco della serata e riesce a venire a capo di una tessitura che prevede pericolosi e improvvisi SI bemolle e DO acuti.

Roberto Aronica, che Torino vide giovanissimo in “Elisir d’Amore” e “Roberto Devereux”, si confronta col personaggio di Johnson esibendo un canto quasi sempre stentoreo raro quindi di assottigliamenti e di pianissimi che dovrebbero in certi momenti suggerire quell’idea di melanconia che infondo pervade il personaggio (si pensi alla frase finale dello splendido duetto a chiusura del primo atto). Gabriele Viviani disegna un Rance caparbio e fisico, facendo valere ancora oggi la lezione di Tito Gobbi: forse ci sarà poco fioretto ma il personaggio emerge bene in tutte le sue contraddizioni.

Un plauso a tutti i comprimari e in particolare al baritono Filippo Morace che disegna un Sonora nobilissimo: la sua frase finale, “Le tue parole sono di Dio”, vengono pronunciate con una solennità che fa quasi pensare a una versione laica del Padre Guardiano al termine della “Forza del Destino”. Francesco Ivan Ciampa è a capo di un’orchestra sempre valida ma che in alcuni frangenti necessiterebbe di un bilanciamento più accorto con le voci (si pensi al coro a bocca chiusa che impreziosisce la dichiarazione di Johnson a fine primo atto “Minnie, non piangete…” e che purtroppo qua arriva da troppo lontano).

La Sala ha tributato un buon successo anche se la Rowley avrebbe meritato qualcosa di più soprattutto alla fine della partita a poker dove ha commosso per la sua vibrante partecipazione.

Torino, Teatro Regio, 29 marzo 2024.

Opera in tre atti su libretto di Guelfo Civinini e Carlo Zangarini, dal dramma “The Girl of the Golden West” di David Belasco.
Musica di Giacomo Puccini

CAST

Minnie Jennifer Rowley

Jack Rance Gabriele Viviani

Dick Johnson Roberto Aronica

Nick Francesco Pittari

Ashby Paolo Battaglia

Sonora Filippo Morace

Trin Cristiano Olivieri

Sid e Billy Jackrabbit Eduardo Martinez

Bello e Harry Alessio Verna

Joe Giuseppe Esposito

Larkens Tyler Zimmerman

Wowlde Ksenia Chubunova

Jake Wallace Gustavo Castillo

José Castro Adriano Gramigni

Un postiglione Alejandro Escobar

 

Francesco Ivan Ciampa direttore d’orchestra

Valentina Carrasco regia

Carles Berga e Peter van Praet scene

Silvia Aymonino costumi

Gianluca Mamino Direttore della fotografia

Peter van Praet luci

Lorenzo Nencini assistente alla regia

Chiara La Ferlita assistente alle scene

Agnese Rabatti assistente ai costumi

Ulisse Trabacchin maestro del coro

Orchestra e Coro Teatro Regio Torino

Nuovo allestimento Teatro Regio Torino
FOTO
#TAGS

Enzo Cardinale

Una laurea col massimo dei voti in Materie Letterarie, studi di teatro con Gigi Livio, Roberto Alonge e Armando Petrini, studi musicali con Paolo Gallarati ed Enrico Fubini. Ha collaborato alla stesura del libro “Maria Callas croce e delizia” di Irene Bottero di cui ho curato diverse serate di presentazione.